Comune Šmartno pri Litiji

SlovenščinaEnglishItaliano
Attuale posizione:
Contatto - Comune Šmartno pri Litiji

Občina Šmartno pri Litiji
Tomazinova ul. 2
1275 Šmartno pri Litiji


T: (+386) 01/8962-770
F: (+386) 0590-97-480
E: info@smartno-litija.si

ORARIO PER LE PARTI:
• lunedì
08.00 - 12.00
13.00 - 15.00
• mercoledì
08.00 - 12.00
13.00 - 17.00
• venerdì
08.00 - 13.00

Altri dati...

Parrocchia di San Martino

Chiesa di San Martino
Chiesa di San Martino

Parrocchia di Šmartno pri Litiji
T: (+386) 01/8987-391

Al posto dell’imponente chiesa neo-gotica, situata in mezzo alla piazza, un tempo si trovava l’antica chiesa parrocchiale in onore di San Martino. Probabilmente fu costruita nella seconda metà del Quattrocento. Considerando gli esigui spazi, nel 1899 la demolirono e iniziarono a costruire una nuova chiesa. La costruzione fu gestita da Ivan Lavrenčič, parroco e decano di Šmartno. La benedizione della nuova chiesa avvenne dopo due anni, esattamente il 15 settembre 1901.

La venerazione di San Martino si diffuse tra il 7° e 10° secolo. A tale periodo risalgono le più antiche chiese slovene in onore al santo. Šmartno ha ricevuto il proprio nome dalla chiesa di San Martino. Secondo la leggenda, fu costruita sul luogo dove l’11 novembre, onomastico di San Martino, persero la vita alcuni minatori di Šmartno. Secondo fonti non accertate, il nome apparve in un documento della chiesa risalente al 1135, anno nel quale i patriarchi d’Aquilea nominarono il vicario di Šmartno. Dall’anno 811, i terreni a sud del fiume Drava erano proprietà dei patriarchi d’Aquilea, rappresentati dalle chiese con il diritto al battesimo e alla cerimonia funebre, potere allora non appartenente alla parrocchia esistente. Considerando la distanza dalla chiesa centrale e il bisogno d’esercitare le funzioni ecclesiastiche, i vicariati significarono la suddivisione in parrocchie. La chiesa di Šentvid pri Stični (menzionata come “plebs” nel 1136) comprendeva i vicariati di San Martino (Šmartno pri Litiji), Sant’Egidio (Višnja gora), Santi Cosimo e Damiano (Krka) e Santa Margherita (Prežganje). Assieme alla chiesa di Šentvid pri Stični, nel 1389 appartenevano al monastero di Stična. Nel 1667, il vicariato di San Martino comprendeva le seguenti parrocchie periferiche: San Giorgio a Blečji vrh, Santi Ermagora e Fortunato a Liberga, San Giorgio di “pod gradom Pogankom”, San Nicolò alla piazza di Litija, Santa Croce a Brezje, Santa Maria Maddalena a Gradišče, San Pietro a Vintarjevec, Santa Anna a Jablanica, San Benedetto a Kresnice, Santa Catarina a Breg e Santa Maria a Javor. I vicari avevano l’obbligo di presenziare ai sinodi, convocate dall’abate di Stična. Si esponeva il resoconto sull’operato e la vita religiosa della parrocchia e si pagavano gli oneri ecclesiastici, imposti alle parrocchie.

Nel periodo 1901-2000 si registrano 7.628 battesimi e 4.095 funerali. Ciò significa la maggioranza dei battesimi - 3.533 in più, in confronto ai funerali.
La chiesa ci tiene ai battesimi nella propria parrocchia. Rispettando la tradizione della celebrazione del matrimonio nella parrocchia della sposa, è nostro desiderio unire i fidanzati in matrimonio alla parrocchia del paese.
Anche i funerali dovrebbero svolgersi alla parrocchia del paese, affinché i defunti rimangano vicini ai ricordi e alle preghiere dei loro cari.

Desideriamo un 21° secolo ricco di nascite, altrettanti battesimi e tanti matrimoni. Desideriamo inoltre una dignitosa sepoltura religiosa d’ogni defunto.
Nel 1940, la parrocchia di Šmartno contava 2.900 fedeli. Nel 1971, la parrocchia di Šmartno contava 3.158 fedeli. Nel 2000, la parrocchia di Šmartno contava 3.754 fedeli. Negli ultimi 60 anni, la parrocchia è aumentata di 854 fedeli.

.